Lo stato di SALUTE inteso come benessere psicofisico, è una situazione di piena efficienza dell’organismo sia a livello fisico che psichico. Decodificando il genoma umano, la Medicina moderna ha evidenziato non solo che vi è una interazione tra l’ambiente e i nostri geni e che questi si esprimono in relazione al nostro stile di vita, ma anche che alcuni processi metabolici dipendono dalle caratteristiche genetiche individuali. Una piccola percentuale del materiale genetico presenta infatti delle varianti chiamate SNPs o polimorfismi, da cui dipendono le differenze tra le persone, sia a livello esteriore sia a livello dei processi metabolici, alla predisposizione alle malattie e alla tolleranza alle varie sostanze alimentari.

RISCHIO INVECCHIAMENTO CUTANEO

Valutazione del rischio di invecchiamento cutaneo (skin aging) rispetto a fattori estrinseci (suscettibilità ai raggi ultravioletti UVA e UVB) ed intrinseci (suscettibilità ai danni provocati dai radicali liberi). L’esito del test genetico guida l’impiego di prodotti cosmeceutici o nutraceutici adeguati a contrastare la tendenza individuale all’invecchiamento cutaneo.

EFFICIENZA METABOLISMO VITAMINA D E FOLATI

Valutazione della diversa efficienza del metabolismo dei folati e della diversa efficienza del trasporto e utilizzo della vitamina D. In entrambi i casi la conoscenza della variante genetica posseduta orienta all’utilizzo di integratori o alimenti che riducano i rischi propri soprattutto di chi presenta la variante sfavorevole.

CONTROLLO DEL PESO

Valutazione della predisposizione genetica all’aumento del peso. I portatori della variante sfavorevole hanno una probabilità più alta degli altri di arrivare ad un indice di massa corporea (BMI: Body Mass Index) maggiore della norma. Essi devono quindi condurre uno stile di vita atto a controllare strettamente l’apporto calorico e promuovere l’attività fisica.

METABOLISMO CAFFEINA

Il test valuta la velocità di metabolizzazione della caffeina. L’analisi genetica prevede l’interrogazione del gene CYP1A che codifica la proteina citocromo P450, che a livello del fegato è l’enzima primario coinvolto nel metabolismo della caffeina. La variante sfavorevole del gene porta a maggiore rischio di effetti collaterali quali nausea, tachicardia, insonnia e ipertensione.

INTOLLERANZA AL LATTOSIO

Valutazione della capacità di digerire il lattosio (principale zucchero del latte). Una bassa efficienza di digestione del lattosio determina intolleranza al latte e suoi derivati, per cui è consigliabile una dieta specifica.

RISCHIO CELIACHIA

Il test valuta la presenza o assenza di fattori di rischio per lo sviluppo della malattia celiaca. L’analisi genetica prevede l’interrogazione del gene HLA.

SENSIBILITÀ AL SALE

Il test valuta la variante sul gene ACE che determina la propria predisposizione sensibilità dell’effetto del sodio sulla pressione sanguigna. Il sodio svolge le importanti funzioni di regolare le funzioni dei fluidi extracellulari e l’equilibrio acido-basico.

SENSIBILITÀ ALL’ALCOL

Il test evidenza l’importanza della costituzione genetica individuale nel contrastare gli effetti negativi dell’alcool, valutando la funzionalità dell’enzima alcool deidrogenasi.

TEST DI PREDISPOSIZIONE ALLA MALATTIA PARODONTALE

Il test valuta la suscettibilità genetica del paziente alla malattia parodontale attraverso l’identificazione di polimorfismi (varianti del DNA) associati ad una risposta infiammatoria eccessiva e iperattivazione degli osteoclasti a livello dell’osso alveolare.

COME USUFRUIRE DEL SERVIZIO

PRENOTA

Chiama GENTRAS al numero 0574 740027 o scrivi un’email a segreteria@gentras.com

FAI IL PRELIEVO

Prelievo buccale non invasivo.

RICEVI IL RISULTATO DEL TEST

Ricevi il referto nelle modalità concordate al momento del test.

Test molecolari con strumentazione diagnostica Hospitex International

Test sierologico quantitativo con strumentazione Diemme

Autorizzazione e accreditamento dalla Regione Toscana

Autorizzazione del Comune di Prato P.G. 116255 del giugno 2021